Storie
Messaggio dell'amministratore delegato
A fuoco i risultati dell’esercizio 2018

I risultati conseguiti nel 2018 danno prova, ancora una volta, della validità delle scelte strategiche fatte nel tempo dal Gruppo. Un portafoglio equilibrato tra attività regolate e liberalizzate e la scelta di anticipare alcuni sviluppi sul fronte dell’economia circolare e, più in generale della sostenibilità, hanno garantito anche nel 2018 un percorso di ulteriore crescita, un rafforzamento patrimoniale e una sempre maggiore resilienza nei diversi business.

Alla dinamica del MOL di Gruppo, in crescita del 4,7%, hanno offerto un contributo particolarmente significativo i business regolati e la crescita dei prezzi nel business liberalizzato del trattamento rifiuti speciali.

Il MOL a Valore Condiviso nel 2018 ha raggiunto 375,2 mn€, con un progresso del 14% rispetto al 2017 e un’incidenza del 36% sul MOL totale 2018.

La crescita registrata a livello di Ricavi di Gruppo (+522,3 mn€; +9,3% rispetto al 2017) esprime l’impatto positivo di quattro fattori:

  1. la maggiore attività di trading (215 mn€),
  2. l’incremento nelle vendite di gas e di energia elettrica (142 mn€), trainate da volumi più elevati,
  3. i prezzi in aumento nelle vendite di gas e di energia elettrica (105 mm€),
  4. oltre a maggiori oneri di sistema e volumi vettoriati (in progresso per 50 mn€).

Il MOL consolidato mette a segno una crescita di 46,5 mn€ (+4,7%), grazie al contributo positivo di quasi tutte le aree di business, a cominciare dall’area Acqua, il cui MOL aumenta dell’8,6% grazie alle ulteriori efficienze conquistate e alle prestazioni sulla qualità del servizio, premiate dalla struttura della regolamentazione. In evidenza anche la performance dell’area del Gas, con il MOL che cresce a un tasso del 4,9%, grazie ai buoni margini realizzati nelle attività di vendita e all’incremento del 18,2% dei volumi venduti; da non trascurare infine l’apporto degli incentivi ottenuti per gli investimenti nella sicurezza delle reti di distribuzione e l’impatto positivo delle ulteriori efficienze operative. Anche nell’area Ambiente il MOL è migliorato, per effetto dei maggiori volumi trattati (+7,2%) e dei maggiori prezzi a libero mercato per i rifiuti speciali: fattori che hanno permesso di compensare il termine, dal 1° gennaio 2018, della gestione del servizio di igiene ambientale in 13 comuni della provincia di Forlì. L’area Energia elettrica ha invece sperimentato una lieve flessione del MOL (-0,5%), principalmente per effetto dei minori ricavi da trading e per i minori ricavi di produzione di energia elettrica conseguenti alle modifiche regolatorie e alla minore disponibilità degli impianti. Rassicurante, comunque, l’aumento complessivo dell’8,9% del numero di clienti, che si attestano a 1,1 milioni, grazie a una crescita concentrata soprattutto nel segmento a libero mercato, grazie all’efficace azione commerciale, che si è concentrata soprattutto nei territori del Centro Italia: un fenomeno che ha sostenuto l’aumento dei volumi venduti (+12,7%).

La crescita consuntivata a livello di Utile Operativo consolidato (+6,4%), è superiore a quella registrata a livello di MOL (+4,7%): la voce Ammortamenti e Accantonamenti cresce infatti a un tasso relativamente contenuto, pari al 3,1%, in quanto ai maggiori ammortamenti legati a nuovi asset operativi corrispondono minori accantonamenti al fondo svalutazione crediti.
L’area gestione finanziaria registra una sensibile contrazione degli oneri netti (-9,8 mn€ rispetto al 2017; -9,7%), frutto delle efficienze sul costo del debito e dei proventi per indennità di mora legati ai clienti in salvaguardia.

L’area di gestione fiscale beneficia di un tax rate più contenuto, pari al 29,1% (rispetto al 29,6% del 2017, che peraltro scontava i benefici di alcuni affrancamenti), come risultato della continua ricerca di opportunità di ottimizzazione fiscale offerte dal quadro normativo, che Hera è riuscita a cogliere in particolare per quanto riguarda la deduzione maggiorata degli ammortamenti per gli investimenti “Industria 4.0”, il credito d’imposta per R&S e la patent box.

L’Utile Netto dopo il Risultato di Terzi mette quindi a segno un sensibile incremento (+12,1%), attestandosi a 281,9 mn€. L’incidenza dell’Utile sui Ricavi passa perciò dal 4,5% del 2017 al 4,6% dell’ultimo esercizio.

Nel corso del 2018 Hera ha investito 431,8 mn€ al netto dei contributi in conto capitale: 35,6 mn€ in più rispetto al 2017. L’Indebitamento Finanziario Netto nel periodo subisce una limitata variazione, attestandosi a fine 2018 a 2,59 mld€, rispetto a 2,52 mld€ di fine 2017, grazie alla buona generazione di cassa operativa, che di fatto ha permesso di coprire la distribuzione dei dividendi 2017 e gli investimenti di sviluppo.

Il MOL a Valore Condiviso nel 2018 ha raggiunto 375,2 mn€: un dato che indica un incremento del 14% rispetto al livello del 2017 e che testimonia come oggi la componente a Valore Condiviso rappresenti una porzione più ampia del MOL complessivo. L’incidenza è infatti aumentata di tre punti percentuali, dal 33% del 2017 al 36% del 2018.

Alla base di questo risultato e dei risultati che saranno raggiunti nei prossimi anni, stanno una serie di iniziative e progetti mirati. Nel 2018 Hera ha dedicato agli investimenti finalizzati alla creazione di Valore Condiviso ben 184 mn€, corrispondenti al 40% di quelli complessivi realizzati dal Gruppo. Di questi, 71,3 mn€ sono stati indirizzati all’innovazione e al contributo allo sviluppo, 68,9 mn€ all’uso efficiente delle risorse e 43,8 mn€ all’impiego intelligente dell’energia.

La comunicazione di questi concreti risultati in termini di creazione di Valore Condiviso è un passaggio cruciale nell’innescare e poi nell’alimentare un meccanismo virtuoso: la produzione di valore condiviso si può realizzare infatti solo conquistando l’engagement di clienti e cittadini. Presentando puntualmente i progetti messi in campo e i risultati che ne sono derivati, Hera potrà alimentare sempre più efficacemente il ruolo attivo dei clienti nell’operare quel cambiamento di comportamenti che è atteso dalla società e dall’ambiente.

Stefano Venier
Stefano Venier
27 marzo 2019
Direttore responsabile:
Jens K. Hansen
Concept e contenuti editoriali:
Blue Arrow - Lugano