Storie
Messaggio dell'amministratore delegato
A fuoco gli obiettivi del Piano 2017-2021

L’allocazione di capitale che abbiamo previsto consentirà di generare una crescita del MOL in tutte le aree di business, con le Reti che assorbiranno i maggiori investimenti e offriranno il contributo più significativo in termini di MOL (+129 milioni di euro). Al 2021 ci attendiamo di mantenere un’equilibrata ripartizione tra le attività regolamentate e i business liberalizzati.

PIANO INDUSTRIALE 2017-2021

MOL E 2021 m€

1.135

INVESTIMENTI CUMULATI 2017-2021 mld€

2,9

EPS CAGR 2017-2021

ca. +5%

COSTO DEL DEBITO E 2021

3,5%

PFN/MOL E 2021

2,9X 

 

 

Una chiara strategia di business per gestire al meglio il portafoglio delle attività

L’area delle Reti presenta grandi potenzialità per un operatore come Hera in grado di gestire in modo efficiente il proprio portafoglio multi-utility in uno scenario operativo in grande cambiamento. Grazie agli investimenti realizzati nel tempo, già oggi possiamo contare su infrastrutture che utilizzano le tecnologie più avanzate e su un funzionale modello operativo. Il concretizzarsi del processo delle gare per le concessioni del gas offre peraltro, nei prossimi anni, un’opportunità di significativa accelerazione della crescita: dei 129 milioni di euro complessivi di incremento attesi per il MOL delle Reti, ben 78 milioni di euro derivano dall’area della distribuzione del gas.

Nell’area Ambiente, Hera è oggi l’operatore di riferimento del panorama italiano, grazie a un’offerta di portafoglio completamente integrata, all’approccio orientato alla realizzazione dell’economia circolare e al forte contenuto innovativo nella gestione dei propri asset. La crescita del MOL nell’area Ambiente, attesa pari a 52 milioni di euro nel periodo di Piano, sarà trainata tanto dalla componente organica (+34 milioni di euro) quanto da nuove operazioni di M&A (+32 milioni): fattori che compenseranno il venir meno di 14 milioni di euro di incentivi. Gli investimenti che sosterranno tale crescita, complessivamente pari a 600 milioni di euro, saranno concentrati per il 72% circa nell’attività di trattamento rifiuti. L’obiettivo di espansione nel segmento del trattamento rifiuti speciali, che stimiamo ci porti da una base di 3.700 clienti nel 2016 a 5.400 nel 2021, poggia la propria visibilità sulla capacità di intercettare le evoluzioni della domanda. Se nel complesso la domanda di trattamento rifiuti è prevista in aumento, da 4,3 milioni di tonnellate nel 2016 a 5,5 milioni nel 2021, va considerato che la crescita sarà concentrata esclusivamente nel segmento dei rifiuti speciali (con un incremento stimato di 1,4 milioni di tonnellate), mentre quello dei rifiuti urbani rimarrà pressoché stabile (-0,2 milioni di tonnellate): l’offerta di Hera, che punta su un servizio integrato e circolare nella gestione dei rifiuti, è idealmente posizionata per cogliere i benefici di una simile evoluzione della domanda.

Infine, nell’ambito Energia, Hera punta a valorizzare al massimo le soluzioni che è in grado di proporre, con l’obiettivo di superare la soglia dei 3 milioni di clienti. Un’offerta di servizi innovativa, personalizzata e realmente a valore aggiunto, che va oltre la fornitura di una pura commodity, rappresenta infatti la risposta per contrastare la pressione sui margini. Anche quest’area di business offre interessanti opportunità in termini di espansione del mercato e di cambiamenti in atto nella domanda: opportunità che Hera potrà cogliere anche attraverso operazioni di M&A, con un impatto trainante sulla crescita di 19 milioni di euro complessivamente attesa per l’area Energia.

Due terzi della crescita nel quinquennio deriva da progetti a Valore Condiviso

Un elemento portante del Piano al 2021 riguarda il nostro orientamento al lungo termine nell’utilizzo intelligente dell’energia, nell’impiego efficiente delle risorse e, infine, nell’innovazione e nello sviluppo del territorio, in una logica che abbraccia in modo convinto la creazione di Valore Condiviso. Perciò se già nel 2016 ca. 300 milioni di euro, ovvero il 30% del MOL consolidato, riguardava la creazione di Valore Condiviso, nel 2021 Hera realizzerà circa 450 milioni di euro di MOL, corrispondenti al 40% del MOL di Gruppo, da tali attività.

Stefano Venier
Stefano Venier
10 gennaio 2018
Direttore responsabile:
Jens K. Hansen
Concept e contenuti editoriali:
Blue Arrow - Lugano